CONTENUTI
BIBLIO GEEK - VIENI IN BIBLIOTECA!
Clicca e scopri di che si tratta
BIBLIO GEEK - VIENI IN BIBLIOTECA!
Clicca e scopri di che si tratta

Relazione dell’incontro del primo ottobre per illustrare il progetto FabLab Sondrio, pensata per te che non sei potuto venire, non sapevi, non ti avevano spiegato bene oppure c’eri e vuoi ricordarti tutto oppure lo vuoi raccontare ad un amico con parole nostre.

 

Ci permettiamo di aggiungere qualche chiarimento ed effettuare qualche integrazione.

Prima di tutto grazie se eri tra la molte persone che hanno deciso di spendere un po’ del proprio tempo facendoci compagnia, è stato bello riconoscere tra i presenti i volti di artigiani, professionisti, insegnanti e rappresentanti della scuola e dell’associazionismo, hobbysti esperti e di persone con molte competenze da condividere.

Divulgatore della “puntata 0” del fablab Sondrio è stato Carlo, che nella prima fase, accompagnata dalla proiezione di slide della FAb Charter (i contenuti li trovi qui) ha spiegato cos’è un fablab e come anche quello di Sondrio ne sposi totalmente i principi fondanti.

E’ stato sottolineato come la ragion d’essere del fablab Sondrio sia la condivisione di competenze, tempo ed energia da parte degli iscritti allo scopo sia di portare a termine un progetto comune che realizzi un prodotto che può essere sia fisico che immateriale, oltre ad ottenere, non certo come scarto di lavorazione, un arricchimento delle conoscenze dei singoli a diversi livelli e a una crescita del gruppo stesso.

Anche se non hai, o credi di non avere, competenze utili da condividere puoi sempre acquisirle grazie gli altri e poi riproporle a tua volta quando qualcuno ti si avvicinerà per chiederti aiuto.

Abbiamo chiarito che un fablab non è solo un’officina avanzata che dispone di stampanti 3D, macchine taglio laser e scanner, ma è principalmente un ecosistema di competenze, relazioni e collaborazioni votato alla creatività, che ANCHE attraverso questi eccezionali strumenti tecnologici può realizzare i suoi progetti.

Fondamentali per partire e continuare l’attività del fablab saranno i contatti consolidati con altri “gemelli” lombardi che già hanno confermato la propria disponibilità a darci una mano sotto molti aspetti, non ultimo quello di tenere corsi da parte di docenti universitari.

Questa è la forza della rete e del progetto fablab a livello globale: pensare globale per agire in locale. Il termine usato è GLOCAL.

Sempre Carlo ha parlato di uno dei primi progetti concreti che saranno proposti, cioè incontri di Coderdojo, un’attività di insegnamento rivolta a ragazzi dai 10 ai 14 anni che ha come fine l’apprendimento, attraverso la condivisione, di conoscenze informatiche.
Ovviamente e fortunatamente l’interessamento “dell’ala scolastica” si è fatto sentire.

Corsi di diversa nature e target saranno proposti in base alle richieste e alle risorse disponibili in loco o reperibili in rete fablab.

A chi ha chiesto perché un fablab a Sondrio abbiamo risposto che, visto il cronico isolamento in cui viviamo, è necessario realizzare qualcosa che abbatta le distanze dalla conoscenza, ovunque questa si trovi; sia questo un fablab della Brianza piuttosto che in una remota provincia cinese.

Approfittando ancora della pazienza dei presenti si sono affrontati argomenti più “concreti” quali in primo luogo il tipo di associazione che probabilmente sarà fablab Sondrio, ovvero una A.P.S. , forma che garantisce un certo equilibrio tra la componente volontaristica e una accettabile agibilità econimica.

Abbiamo quindi stabilito quali saranno le prossime tappe per portare a termine la creazione del fablab, fai molta attenzione che è importante: da oggi alla data del 29 ottobre potrai registrarti al sito ufficiale www.fablabsondrio.it e quindi ricevere via mail le prossime comunicazioni, potrai anche confermare la tua volontà di iscriverti alla nascente associazione in qualità di socio “fondatore” fornendo nome, cognome e codice fiscale tramite un messaggio mail indirizzato a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..

Questo cosa comporta?

Questa qualifica ti darà diritto a partecipare alla scrittura dello statuto societario (anche online) che sarà sottoposto alla votazione di approvazione all’assemblea riservata esclusivamente ai soci fondatori che si terrà appunto in data 29/10.

Questa sarà la “puntata 1”, dove tutto avrà inizio.

Se sei uno di quelli che si é dichiarato socio fondatore ma non hai partecipato attivamente alla stesura dello Statuto potrai comunque visionarlo online prima della data dell’assemblea

Nella stessa sede saranno definite anche le cariche previste dalla legge.

Il lunedì successivo (giorno dei morti n.d.r….) presso l’agenzia delle entrate di Sondrio nascerà ufficialmente il fablab Sondrio con tanto di codice fiscale.

Un percorso parallelo o quasi potrebbe seguire anche il regolamento del fablab, che ha il compito di disciplinare le dinamiche e i rapporti tra gli iscritti e determina, ad esempio, l’importo della quota di iscrizione annuale.

Visto che hai deciso di registrarti e diventare socio fai anche uno sforzetto in più e dicci in quale dei gruppi di lavoro illustrati più avanti saresti interessato ad entrare e, dato che siamo in confidenza raccontaci delle tue competenze che sei disposto a condividere e quali interessi ti piacerebbe soddisfare all’interno del nostro (mio e tuo) fablab Sondrio.

Tornando alla serata e parlando sempre di organizzazione sono stati presentati i primi quattro gruppi di lavoro che in parte hanno già iniziato la propria attività: sono le tre “S” (Sede,Soldi, e,Statuto) più una “C” che sta per Comunicazione

  • SEDE - Ci sono alcune candidature per la sede operativa del fablab, per intenderci dove piazzare le macchine e le attrezzature e non tanto dove riunirci dal momento che questo genere di location è di più facile reperimento. Chi farà parte del gruppo dovrà scandagliare le possibili soluzioni è al contempo sarà anche referente di eventuali candidature proposte da altri iscritti o da esterni. Superfluo dire che la parola “gratis” ha sempre un fascino irresistibile
  • SOLDI – Non si vive di solo amore e passione, adempimenti burocratici, macchinari, affitti, riscaldamento, stipendio del presidente (si scherza ovviamente!!) hanno un costo che deve trovare la relativa copertura, solo in piccola parte colmata dalle quote associative. Spazio quindi a mecenati, bandi mirati, collaborazioni con aziende e tanta, tanta fantasia. Chi decide di far parte di questo gruppo godrà di riconoscenza eterna.
  • STATUTO – Vedi qualche riga sopra
  • COMUNICAZIONE – I referenti di questo gruppo faranno conoscere al mondo cosa stiamo combinando, come e perché attraverso i tradizionali canali di informazione ma soprattutto utilizzando i nuovi media digitali. Un buon lavoro in questo senso sarà di sicuro aiuto elle prime due “S”. Parola d’ordine: trasparenza. Buon lavoro.

Fortunatamente sono state poste anche delle domande, riportiamo quelle quelle che spiegano o ribadiscono concetti basilari per un fablab e di interesse più generale:

Tutto quello che si fa in un fablab deve necessariamente passare attraverso una stampante 3D? Vediamo se sei stato attento e sai la risposta! Ovviamente la risposta è “no”: la stampante 3d è solo un macchinario, affascinante e versatile da esagerare ma comunque uno strumento che fa parte della dotazione basilare di un fablab ed è ottima cosa imparare ad usare (come avviene di norma in un fablab), ma le idee possono prendere anche altr vie.

Un’azienda può entrare nel fablab? Ne ha facoltà ed è un po’ anche l’auspicio. Va precisato comunque che gli iscritti devono essere necessariamente persone fisiche. Un’azienda, come del resto un ente, un’associazione o una scuola potranno interagire con il fablab attraverso sinergie e collaborazioni che verranno definite e disciplinate nello statuto e nel regolamento di prossima stesura.
Qui vogliamo aggiungere che il fablab è un bene per la comunità intera e quindi vuole essere e mantenersi autonomo, indipendente e equidistante da centri economici al preciso scopo di garantirne una crescita spontanea. Non vogliamo essere di qualcuno ma di tutti, chiunque crede nei nostri principi e vuole aiutarci nel nome dell’interesse comune è il benvenuto.

Il fablab puo’ essere anche un luogo di coworking? Decisamente si. Vale anche qui il discorso appena fatto per le aziende ovvero che sarà meglio definito a statuto ultimato. In questo coso si dovranno anche considerare gli spazi fisici a disposizione per l’attività del fablab.

La serata si è quindi chiusa in un modo che riteniamo perfettamente in linea con il fablab pensiero, cioé l’offerta di utilizzo gratuito di macchine utensili di precisione utili alla causa e ascoltando il racconto e le esperienze di alcuni partecipanti che hanno dimostrato come certi valori vanno oltre i bit e le conoscenze dei singoli per regalarci l’esperienza della condivisione.

Un arrivederci se ti abbiamo conosciuto all’incontro o un augurio di incontrarci presto.

Stiamo lavorando per Noi.

Allegati:
FileDescrizioneDimensione del FileCreato
Scarica questo file (fablabsondrio-atto0.pdf)Presentazione atto ZEROPresentazione atto ZERO729 kB07-10-2015

Lascia i tuoi commenti

Posta commento come visitatore

0
I tuoi commenti sono soggetti a moderazione da parte degli amministratori.
  • Nessun commento trovato